Il lavoro forzato tra le minoranze Chin al confine tra Myanmar e India.

Il lavoro forzato tra le minoranze Chin al confine tra Myanmar e India.

Sembra impossibile, ma nel 21esimo secolo ci sono ancora popolazioni che subiscono un regime di semi-schiavitù, fenomeno ribattezzato con l’appellativo di ‘lavoro forzato’ per lenire il peso di alcune coscienze. E’ il caso dei Chin, gruppo etnico di minoranza in Birmania, costretto da anni a subire la pesante pressione della giunta militare di Rangoon e del suo esercito. Proponiamo un’analisi sull’argomento.

Chin, minoranza cristiana perseguitata in Myanmar e discriminata in India

Chin, minoranza cristiana perseguitata in Myanmar e discriminata in India

I Chin sono un gruppo etnico di minoranza in Birmania, in gran parte cristiani battisti, costretti a fuggire dalla repressione armata del regime di Rangoon. Da quando nel 1988 è nato il gruppo indipendentista Chin National Front, la Giunta dei generali ha intensificato l’azione del Tatmadaw, il proprio braccio armato, nell’are montuosa del nord ovest, al confine con l’India, dove vivono si concentrano i Chin. In un recente dossier pubblicato da Hrw, emergono pesanti abusi e violazioni dei diritti umani nei loro confronti, tali da costringerli a fuggire oltre confine, in India, dove in molti casi continuano a subire soprusi e ingiustizie. L’analisi.