Hussein Ibrahim: storia rap di un migrante siriano

Hussein Ibrahim: storia rap di un migrante siriano

Fugge da Aleppo a 16 anni e raggiunge il fratello a Istanbul. Qui lavora come lava macchine, poi nel campo tessile, coltivando il talento per l’improvvisazione rap. Le sue canzone vengono incise in un sobborgo della metropoli turca e arrivano a Eko Camp, in Grecia, dove due attivisti italiani lanciano Haia Ahra, ‘la Vita è una Puttana’, il brano con cui Hussein Ibrahim racconta le difficoltà di un rifugiato siriano, dando voce a milioni di suoi connazionali.

Via al trasferimento di migranti verso la Turchia. Riprese anche le tratte clandestine (da East)

Via al trasferimento di migranti verso la Turchia. Riprese anche le tratte clandestine (da East)

Rilanciamo oggi un servizio sull’avvio dei primi respingimenti di migranti irregolari, uscito su EAST. Dalle isole greche di Lesbo e Chios verso il porto turco di Dikili, sulla costa di Smirne. I primi a partire sono cittadini del Bangladesh e del Pakistan, cui seguiranno molti afgani, destinati ad essere ricacciati nella loro terra di origine minacciata dal ritorno dei Taliban. Dalla Grecia alla Turchia tornano i respinti, dalla Turchia alla Grecia continuano gli attraversamenti illegali, come un cane che si morde la coda

Si riparte. Continua il reportage di indika sui migranti lungo la via dei Balcani

Si riparte. Continua il reportage di indika sui migranti lungo la via dei Balcani

Indika torna sulla via dei Balcani. Questa volta in direzione opposta: da Skopje alla Turchia. Prima tappa Idomeni, lo sperduto villaggio greco al confine con la Macedonia, dove languiscono arenati migliaia di rifugiati in attesa di conoscere il loro destino. L’Europa, immobile nella sua incapacità, non li vuole. I loro Paesi di origine, sconvolti da guerre e violenze, non possono rappresentare al momento una possibilità di ritorno. Meglio morire in fuga verso la libertà, che soffocare nell’impossibilità di una salvezza…