Sonia Gandhi e la biografia “romanzata” proibita dal Congresso

Sonia Gandhi e la biografia “romanzata” proibita dal Congresso

Nonostante sia pubblicato in diverse lingue a livello globale, ‘The Sari Red’ non era ancora uscito in India. Il partito del Congresso aveva garantito che questa biografia romanzata della leader Sonia Gandhi non si sarebbe mai trovata nelle librerie indiane. Dopo essere uscito in Spagna nel 2008, e poi in più di una dozzina di lingue (ma non in inglese), il libro viene finalmente pubblicato in India questa settimana da Roli Books.

Sull’assassinio di Rajiv Gandhi

Sull’assassinio di Rajiv Gandhi

Potrebbero tornare in libertà i sette assassini di Rajiv Gandhi, il primo ministro indiano ucciso da un attacco suicida nel 1991. Il Governo del Tamil Nadu, dove l’attentato avvenne, ha dichiarato di voler concedere loro la libertà. Perché le porte del carcere possano davvero aprirsi, però, bisogna attendere il parere del Governo di New Delhi, che è retto dal Partito del Congresso di Sonia Gandhi, vedova di Rajiv, e che si trova nel pieno della campagna elettorale guidata da loro figlio, Raul.

Prese parte all’assassinio di Rajiv Gandhi. Tigre Tamil digiuna per chiedere la scarcerazione

Prese parte all’assassinio di Rajiv Gandhi. Tigre Tamil digiuna per chiedere la scarcerazione

Nel 1991 prese parte all’omicidio di Rajiv Gandhi. Oggi Nalini Sriharan fa lo sciopero della fame per chiedere il proprio rilascio. Se l’alta corte di Chennai non formerà, come promesso, la commissione per decidere il da farsi, l’ex Tigre Tamil digiunerà fino alla morte.

Sri Lanka, la guerra dimenticata. Di Paolo Salom

Sri Lanka, la guerra dimenticata. Di Paolo Salom

In Sri Lanka prosegue senza sosta l’offensiva finale dell’esercito di Colombo contro le Tigri Tamil, rimaste asserragliate in un lembo di terra di 300 chilometri quadrati. Le autorità internazionali parlano di 250 mila civili in pericolo, ma il presidente singalese Mahinda Rajapakse non tollera interferenze. Oggi presentiamo un approfondimento di Paolo Salom, del Corriere. Si tratta del primo spunto sul tema, cui ne seguiranno altri per definire i vari volti della guerra più longeva dell’asia: 25 anni e 70 mila morti.