Rahul Gandhi è il n. 2 del Congress Party. Sarà lui il nuovo candidato premier?

Rahul Gandhi è il n. 2 del Congress Party. Sarà lui il nuovo candidato premier?

La dinastia Gandhi rafforza il suo potere tra le fila del Congress Party. Sabato il giovane Rahul Gandhi è stato nominato vicepresidente, alle spalle della madre Sonia, italiana di origini. Per molti analisti politici è questo il segno dell’imminente scesa in campo di Rahul per la carica di Primo ministro alle elezioni generali del 2014. Ecco l’analisi, con un focus sul BJP, la destra all’opposizione

Elezioni indiane: il Bjp rilancia la propria immagine, “se ci votate ricostruiremo il tempio di Ram ad Ayodhya”

Elezioni indiane: il Bjp rilancia la propria immagine, “se ci votate ricostruiremo il tempio di Ram ad Ayodhya”

Il partito nazionalista hindu Bharatiya Janata Party, ha chiuso ieri la convention di Nagpur, in Maharastra. Nel corso della 2 giorni, che ha riunito attorno almeno 8000 dirigenti provenienti da tutta l’India, sono stati ribaditi i capisaldi della campagna elettorale, lanciando una provocazione inattesa. Il presidente Rajnath Singh ha promesso che in caso di vittoria, sarà costruito il tempio di Ram nella città natale di Ayodhya. E’ qui che negli anni ’80 e ’90 ci furono gravissimi scontri tra fondamentalisti hindu e musulmani, costati in tutto 3000 vittime, a causa della contesa pendente sul presunto luogo di nascita del dio Ram, coincidente con l’area di una moschea del XVI secolo. Ora, si teme che le parole di Rajnath Singh possano riaccendere l’odio mai sopito tra i contendenti delle due religioni, causando nuovi scontri. L’analisi.