Il virus fa morire i lavoratori, di fame

Il virus fa morire i lavoratori, di fame

Sono pendolari o migranti in arrivo dalle zone rurali, spinti verso le metropoli dal bisogno di aggiungere un salario alla resa dei terreni, disposti a ogni compromesso. Per loro nessun salvagente, niente tutela sindacale, invisibili anche ai radar dalla politica, rimasta a guardare quando, poche ore dopo lo squillo di tromba di Narendra Modi, a milioni si sono avviati verso i villaggi di provenienza.

In viaggio con Indika, destinazione Kinnaur e Spiti

In viaggio con Indika, destinazione Kinnaur e Spiti

Capita così, quasi per caso, nell’autunno del 2018. Ricevo una, anzi tre proposte destinate ad aprire nuove prospettive di vita e, non da ultimo, ad avvicinarmi al mondo della conduzione dei viaggi. Sono da poco tornato in Kinnaur e Spiti, nell’Himalaya indiano, per dedicarmi alla fase conclusiva di un lungo lavoro sul campo iniziato nel 2003.

Delhi secondo Rana Dasgupta

Delhi secondo Rana Dasgupta

Delhi è una città fatta di traffico, cavalcavia e SUV fermi in coda, dove l’iniezione di denaro non ha fatto sviluppare un capitalismo “sano”, ma ha consolidato una struttura sociale di tipo feudale, in cui manca completamente il senso della comunità. Dasgupta la associa più a Mosca, dove il capitalismo post-socialista ha favorito una classe di oligarchi, che non alle città americane, a cui teoricamente il nuovo modello economico si ispira.

GHORA, LA DANZA DEGLI DEI. Film documentario

GHORA, LA DANZA DEGLI DEI. Film documentario

Lunedì 27 Marzo 2017, ore 12.15 Aula Magna Silvio Trentin – Ca’ Dolfin, Dorsoduro 3825/D, Venezia Irene Majo Garigliano (Centre d’Études Himalayennes – CNRS, France) presenta: Un film di Alessandro Cartosio e Irene Majo Garigliano. India, 2014 –  38 minuti Fotografia: Alessandro Cartosio. Montaggio: Anna Fuga. Film prodotto grazie a: Produzioni dal Basso. In collaborazione […]

Devadasi, serva del dio al servizio degli uomini. Di Daniela Bevilacqua.

Devadasi, serva del dio al servizio degli uomini. Di Daniela Bevilacqua.

Da elemento fondamentale per soddisfare la divinità del tempio, la figura della devadasi, letteralmente “serva del dio”, ha assunto in tempi più recenti la valenza di prostituta. Daniela Bevilacqua s’interroga su questo aspetto affrontando il tema in un percorso storico di facile lettura.