Recensione. Violent Gods: Hindu Nationalism in India’s Present. Di Angana Chatterji

Recensione. Violent Gods: Hindu Nationalism in India’s Present. Di Angana Chatterji

Presentiamo oggi un’opera letteraria di grande spessore, che approfondisce anni di ricerche e indagini sul nazionalismo hindu condotte dall’antropologa e storica Angana Chatterji, docente di Antropologia Sociale e Culturale presso il California Institute of Integral Studies di San Fransisco. L’analaisi critica dell’autrice, delinea i tratti salienti del nazionalismo hindu di oggi, partendo dal modo in cui questo si concretizza all’interno della società: “un movimento assolutista, che si manifesta attraverso cultura, politica ed economia, religione e legge, classe e casta, genere, corpo, terra e memoria”.

Elezioni indiane: il Bjp rilancia la propria immagine, “se ci votate ricostruiremo il tempio di Ram ad Ayodhya”

Elezioni indiane: il Bjp rilancia la propria immagine, “se ci votate ricostruiremo il tempio di Ram ad Ayodhya”

Il partito nazionalista hindu Bharatiya Janata Party, ha chiuso ieri la convention di Nagpur, in Maharastra. Nel corso della 2 giorni, che ha riunito attorno almeno 8000 dirigenti provenienti da tutta l’India, sono stati ribaditi i capisaldi della campagna elettorale, lanciando una provocazione inattesa. Il presidente Rajnath Singh ha promesso che in caso di vittoria, sarà costruito il tempio di Ram nella città natale di Ayodhya. E’ qui che negli anni ’80 e ’90 ci furono gravissimi scontri tra fondamentalisti hindu e musulmani, costati in tutto 3000 vittime, a causa della contesa pendente sul presunto luogo di nascita del dio Ram, coincidente con l’area di una moschea del XVI secolo. Ora, si teme che le parole di Rajnath Singh possano riaccendere l’odio mai sopito tra i contendenti delle due religioni, causando nuovi scontri. L’analisi.