Il reportage: storie di ‘fosforo bianco’ a Gaza, di Alberto Stabile (la Repubblica)

Il reportage: storie di ‘fosforo bianco’ a Gaza, di Alberto Stabile (la Repubblica)

Mentre prosegue la tregua nella Striscia di Gaza, sull’esercito israeliano piovono pesanti accuse di crimini di guerra. Tra questi c’è l’uso del fosforo bianco, arma proibita dal diritto internazionale se usata su persone o in aree densamente popolate, a causa degli effetti devastanti. Sotto esame poi l’uso di nuovi missili, in grado di uccidere attraverso schegge sottili delle dimensioni di un coriandolo. Tel Aviv comunque difende i propri soldati, organizzando uno ‘scudo’ protettivo legale per evitare ripercussioni. L’approfondimento tratto da la Repubblica di oggi.

Aggiornamento da Gaza, nuovo contributo di Vittorio Arrigoni

Aggiornamento da Gaza, nuovo contributo di Vittorio Arrigoni

Nuovo impressionante contributo di Vittorio Arrigoni dall’inferno della Striscia di Gaza. “Questa non è una guerra perché non ci sono due eserciti che si danno battaglia su un fronte; è un assedio unilaterale condotto da forze armate (aviazione, marina, ed esercito) fra le più potenti del mondo, sicuramente le più avanzate in fatto di equipaggiamento militare tecnologico, che hanno attaccato una misera striscia di terra di 360 kmq, dove la popolazione si muove ancora sui muli e dove c’è una resistenza male armata la cui unica forza è quella di essere pronta al martirio…”