Nano Tata “feels like a car”. I video del test drive della rivista Autocar (UK) e di Times Drive (India)

Non sarà perfetta e nemmeno bello, ma l’indiana Nano, l’auto più economica al mondo ha superato il test di guida di Autocar, la prestigiosa rivista inglese di settore. Un aggiornamento con alcuni dati tecnici sulla versione europea in arrivo entro il 2011, con il video della prova.

Nano, l’auto più economica del mondo alla conquista dell’India. Per Tata Motors potrebbe essere l’inizio della ripresa

Nano, l’auto più economica del mondo alla conquista dell’India. Per Tata Motors potrebbe essere l’inizio della ripresa

Tata Motors da oggi lancia sul mercato la Nano, l’automobile più economica al mondo. Grandi le attese per il colosso indiano dell’automobile, che negli ultimi 12 mesi è stato colpita da quella che gli esperti chiamano “una tempesta perfetta”, costata il 75% di perdita di valore delle azioni. Ecco che l’auto che doveva consacrare il gruppo di Ratan Tata, si sta trasformando in una sorta di ancora di salvezza, necessaria per rilanciare le vendite in fretta, prima che agguerriti competitors mettano le mani su decine di milioni di indiani pronti a lasciare il motorino per le quattro ruote.

Tata prepara lo sbarco in Europa della Nano, l’auto più economica al mondo

Tata prepara lo sbarco in Europa della Nano, l’auto più economica al mondo

Tempi di crisi, tempi di opportunità. Si dice così no? Questo almeno sembra essere il pensiero di Ratan Tata, presidente del principale gruppo automobilistico indiano, che a Ginevra ha annunciato l’arrivo di Nano Europa, l’auto anti-crisi. Si tratta di un gioiellino 4 posti dalle dimensioni ridotte, così come prestazioni e consumi. Caratteristica principale di Nano Europa sarà il prezzo, non ancora svelato, ma destinato a segnare un nuovo record per economicità nel Vecchio Continente. Nel frattempo la versione indiana, la Nano, sarà distribuita nel paese di origine a partire da aprile, per 2000 dollari chiavi in mano. Un prezzo incredibile anche per l’India, che potrebbe segnare un passaggio epocale dalle due alle quattro ruote. Resta da capire dove e come riusciranno a circolare le Nano in una nazione soffocata dallo smog e già adesso paralizzata dal traffico selvaggio.