Sri Lanka

Asia meridionale

Risoluzione Onu sullo Sri Lanka. Tre anni per fare luce sui crimini di guerra del 2009

Risoluzione Onu sullo Sri Lanka. Tre anni per fare luce sui crimini di guerra del 2009

Entro 3 anni il governo dello Sri Lanka deve fare luce sui crimini commessi al termine della guerra civile, nel 2009. L’India vota a favore della risoluzione Onu, mentre Colombo accusa l’assemblea di Ginevra di interferenza nelle questioni interne.

Altri due mesi di vita per le Tigri Tamil che assassinarono Rajiv Gandhi.

Altri due mesi di vita per le Tigri Tamil che assassinarono Rajiv Gandhi.

Assassinarono l’ex premier indiano Rajiv Gandhi in un attentato suicida, ora attendono la condanna per impiccagione. Oggi la corte di Chennai ha deciso di posticipare l’esecuzione delle menti dell’attentato, avvenuto nel 1991. Ecco la notizia e i fatti.

Sri Lanka, ecco come l’esercito uccise migliaia di civili.

Sri Lanka, ecco come l’esercito uccise migliaia di civili.

Un rapporto delle Nazioni Unite mette in luce alcuni dei massacri di civili commessi dall’esercito di Colombo durante l’offensiva contro le Tigri Tamil in Sri Lanka, nel 2009. Attacchi missilistici nelle ‘no firing zone’ e nei centri di distribuzione di cibo per i profughi. Ecco i fatti.

Prese parte all’assassinio di Rajiv Gandhi. Tigre Tamil digiuna per chiedere la scarcerazione

Prese parte all’assassinio di Rajiv Gandhi. Tigre Tamil digiuna per chiedere la scarcerazione

Nel 1991 prese parte all’omicidio di Rajiv Gandhi. Oggi Nalini Sriharan fa lo sciopero della fame per chiedere il proprio rilascio. Se l’alta corte di Chennai non formerà, come promesso, la commissione per decidere il da farsi, l’ex Tigre Tamil digiunerà fino alla morte.

Il punto con il Paroliere, intervista ad Emanuele

E’ uscita in queste ore l’intervista realizzata da Angelo D’addesio ad Emanuele per Il Paroliere. Si tratta di un confronto a ‘ruota libera’ che dalle elezioni indiane passa alla guerra civile in Pakistan, arrivando alla (definitiva?) disfatta delle Tigri Tamil in Sri Lanka. Ecco il link al testo, realizzato dal giovane blogger e giornalista pugliese, che nelle ultime settimane ha ascoltato e riportato più voci sulla ‘questione’ indiana.

Pulizia etnica in Sri Lanka, peggio di Srebrenica.

Pulizia etnica in Sri Lanka, peggio di Srebrenica.

Sri Lanaka, le condizioni nel Nordest del paese restano drammatiche. Almeno diecimila le vittime, in gran parte civili, e interi villaggi rasi al suolo dai bombardamenti. Proponiamo l’analisi di Francis Boyle, esperto di diritto internazionale, riportata da Peace Reporter. “In queste ore l’esercito sta conducendo esecuzioni sommarie, sta impedendo l’arrivo di aiuti umanitari ai sopravvissuti rinchiusi in campi di concentramento, sta rimuovendo sul terreno le prove dei suoi crimini: diecimila civili massacrati in quattro mesi! Peggio che a Srebrenica, dove morirono ottomila persone… Il governo dello Sri Lanka sta violando il diritto umanitario internazionale, dopo essersi macchiato di gravi crimini di guerra e contro l’umanità. Rajapakse dice di aver salvato i civili, ma la realtà è che prima li ha indotti a rifugiarsi in massa nella No Fire Zone, poi ha tagliato i rifornimenti di cibo, acqua e medicine e infine li ha bombardati. Tutto questo è accaduto con il benestare degli Stati Uniti, che grazie ai loro satelliti e alla loro intelligence sapevano in ogni momento cosa stava accadendo, e con quello della Gran Bretagna, dell’Europa, dell’India e anche della Cina, che ha garantito a Rajapakse il suo sostegno in cambio del permesso di costruire un grande porto commerciale nel Paese”

Sri Lanka: con la caduta delle Tigri, Colombo promette uguaglianza per i Tamil

Sri Lanka: con la caduta delle Tigri, Colombo promette uguaglianza per i Tamil

Il futuro dello Sri Lanka potrebbe essere ad una svolta. In settimana il presidente Mahinda Rajapaksa ha dichiarato definitivamente sconfitto l’esercito delle Tigri Tamil, da settimane asserrgaliate in un fazzoletto di terra nel nordest del Paese. Il leader singalese non vuole fermarsi alla “soluzione militare”, ma intende avviare un concreto processo di riconciliazione con la minoranza Tamil, a partire dall’ammissione di una rappresentanza più nutrita nelle sedi governative. Più uguaglianza dunque, obiettivo raggiungibile solo limando gli eccessi di un sistema sociale tacciato in più occasioni di apartheid verso i cittadini Tamil. Il mondo sta alla finestra, per capire se un quarto di secolo di guerra appartiene davvero al passato.

Sri Lanka, una mattanza senza tregua. Migliaia di vittime tra i civili e a nulla valgono gli appelli internazionali.

Sri Lanka, una mattanza senza tregua. Migliaia di vittime tra i civili e a nulla valgono gli appelli internazionali.

In Sri Lanka proseguono senza sosta i bombardamenti. L’esercito di Colombo vuole mettere definitivamente fuori gioco la resistenza delle Tigri Tamil, ma sotto le bombe muoiono migliaia di civili innocenti. La situazione è gravissima, ma il governo singalese ignora gli appelli internazionali. L’aggiornamento tratto da Peace Reporter.

Sri Lanka: si avvicina la disfatta delle Tigri. Riprendono gli attentati suicidi, il video

Le Tigri Tamil sono allo stremo. Dopo settimane di assedio, la guerriglia indipendentista dello Sri Lanka è asserragliata in un lembo di terra nel Nordest del paese, assieme a centinaia di migliaia di civili in pericolo. La crisi umanitaria è grave, ma le sue dimensioni reali non ancora note. La vittoria di Colombo sul Ltte sembra scontata, ma la fine della guerra potrebbe non coincidere con la fine delle discriminazioni ai danni della minoranza tamil. Per questo non si esclude presto l’arrivo di un’ondata di attentati suicidi, come quello avvenuto la scorsa settimana nel villaggio di Akurassa. Proponiamo una riflessione sulla difficile situazione dello Sri Lanka, assieme all’impressionante video dell’attentato.

Pakistan: attentato contro la nazionale di cricket dello Sri Lanka. Uccise 7 persone. Sospetti sul Lashkar-e-Toiba

Pakistan: attentato contro la nazionale di cricket dello Sri Lanka. Uccise 7 persone. Sospetti sul Lashkar-e-Toiba

Un commando di terroristi armati ha assaltato l’autobus della nazionale di cricket dello Sri Lanka. 7 i morti e diversi feriti, per ora, il conto di un blitz messo assegno con una tecnica simila a quella degli attentati di Mumbai: determinazione, mobilità e potenza di fuoco. Ancora in corso la caccia all’uomo nella zona commerciale esterna allo stadio cittadino. Sospetti sul Lashkar-e-Toiba, gruppo terroristico operante proprio in Punjab. La notizia.

Sri Lanka, crimini noti e meno noti. L’altra faccia della medaglia

Sri Lanka, crimini noti e meno noti. L’altra faccia della medaglia

In Sri Lanka prosegue l’offensiva dell’esercito di Colombo. Tante, troppe le vittime, tra le quali molti civili caduti sotto il fuoco delle Tigri Tamil, del Ltte, così come riportato dai media italiani. Ciò che non appare nei resoconti della stampa nazionale, sono le responsabilità e i gravi crimini delle armate dello Sri Lanka, puntualmente riportate dal servizio di Enrico Piovesana di Peace Reporter.

Sri Lanka: l’India interverrà per soluzione conflitto, solo se le Tigri deporranno le armi

Sri Lanka: l’India interverrà per soluzione conflitto, solo se le Tigri deporranno le armi

Appello del governo Indiano alle Tigri Tamil. “Chiederemo una soluzione del conflitto se deporrete le armi”. Il nuovo intervento del ministro dell’Interno Chidambaram in merito alla difficile situazione dei civili Tamil in Sri Lanka. Intanto prosegue l’offensiva di Colombo.

Sri Lanka, la guerra dimenticata. Di Paolo Salom

Sri Lanka, la guerra dimenticata. Di Paolo Salom

In Sri Lanka prosegue senza sosta l’offensiva finale dell’esercito di Colombo contro le Tigri Tamil, rimaste asserragliate in un lembo di terra di 300 chilometri quadrati. Le autorità internazionali parlano di 250 mila civili in pericolo, ma il presidente singalese Mahinda Rajapakse non tollera interferenze. Oggi presentiamo un approfondimento di Paolo Salom, del Corriere. Si tratta del primo spunto sul tema, cui ne seguiranno altri per definire i vari volti della guerra più longeva dell’asia: 25 anni e 70 mila morti.