Integralismo Islamico

A Pasqua vertice tra Zardari e Singh a New Delhi… ancora bombe e scontri a fuoco lungo la Linea Durand

A Pasqua vertice tra Zardari e Singh a New Delhi… ancora bombe e scontri a fuoco lungo la Linea Durand

Islamabad, 2 Aprile 2012. L’8 aprile prossimo, il presidente pakistano Asif Ali Zardari incontrerà il premieri indiano Manmohan Singh a New Delhi. Si tratta della prima missione della massima autorità pakistana in India dal 2005. L’incontro si inserisce nel novero delle iniziative previste dal processo di normalizzazione dei rapporti tra le due potenze nucleari rivali, […]

Pakistan: reportage dalla Linea Durand. Da East 40

Pakistan: reportage dalla Linea Durand. Da East 40

Come promesso, pubblico oggi il reportage uscito la scorsa settimana su EAST 40. Troverete parte (minima) del materiale da me raccolto e delle interviste fatte a fine ottobre, assieme alle foto delle persone citate, eccetto una, la bambina ‘in rosso’ in apertura. Nei suoi occhi io continuo a vedere l’anima dei Pashtun.

Nuovi attacchi suicidi a Peshawar. 16 vittime in due giorni fanno tremare il Pakistan

Nuovi attacchi suicidi a Peshawar. 16 vittime in due giorni fanno tremare il Pakistan

Peshawar torna il bersaglio preferito degli attentatori suicidi in Pakistan. In meno di 24 ore, un´autobomba e dei kamikaze provocano 16 morti e decine di feriti. L´ultimo episodio questa mattina, in una stazione di polizia vicino alle zone tribali.

Gilani in Qatar. Vuole un posto per il Pakistan per la pace in Afghanistan

Gilani in Qatar. Vuole un posto per il Pakistan per la pace in Afghanistan

Islamabad oggi in Qatar per rivendicare il proprio diritto a partecipare ai colloqui di pace sull’Afghanistan. Il premier Gilani pronto a spiegare le posizioni del Pakistan. Dopo un decennio di guerre e violenze esiste uno spiraglio di luce per la Tomba delgli Imperi?

Barack Obama difende i bombardamenti con i droni. Ignorate del tutto le vittime civili.

Barack Obama difende i bombardamenti con i droni. Ignorate del tutto le vittime civili.

Le deviazioni delle guerre moderne! Armi iper-tecnologiche e scarsa percezione dei reali danni provocati al suolo. Cade nel pressapochismo anche Barack Obama, che giustifica l’uso dei droni per difendere l’America dalle minacce islamiche, ignorando il numero dei civili uccisi. Ecco alcuni spunti di riflessione.

Rifugiati in Pakistan, da Peshawar al campo di Jailuzai

Rifugiati in Pakistan, da Peshawar al campo di Jailuzai

Migliaia di profughi si stanno ammassando al campo di Jajluzai, nei pressi di Peshwar, in fuga dai combattimenti in corso tra esercito e militanti nella Kyber Agency. Li ho incontrati tra le tende, e in fila per la registrazione, ecco il quadro.

Spari e tre morti lungo il confine Indo-Pakistano. Il confronto prosegue anche sui media

Spari e tre morti lungo il confine Indo-Pakistano. Il confronto prosegue anche sui media

Scontro a fuoco lungo il confine Indo-Pakistano, in Kashmir. Tre le vittime tra i soldati di Islamabad. Al confronto sul campo di battaglia, segue quello mediatico. Ecco i fatti e la rielaborazione ‘filtrata’ delle notizie dai rispettivi quotidiani nazionali… un punto di vista diverso.

Karachi soffocata dalle violenze. 5.000 assasini liberi di uccidere

Karachi soffocata dalle violenze. 5.000 assasini liberi di uccidere

L’ombra della disfatta si allunga sulle strade di Karachi, bagnate giorno dopo giorno dal sangue di combattenti e innocenti, tutti vittime di una guerra che sembra senza fine. A fomentare l’attuale stato di violenza, contribuiscono l’inadeguatezza di uomini e mezzi di polizia schierati sul campo, e la mancanza di aiuti esterni necessari per individuare una soluzione. Ecco l’analisi

Aggiornamento sugli attentati di Mumbai. Sale a 21 il numero delle vittime, nessuna rivendicazione

Aggiornamento sugli attentati di Mumbai. Sale a 21 il numero delle vittime, nessuna rivendicazione

Aggiornamento sugli attentati di Miumbai. Sale a 21 il numero delle vittime, ma si attende ancora la rivendicazione. Città stretta nella morsa della polizia, caccia ai responsabili. Ecco la cronaca e alcune considerazioni.

Dopo l’uccisione di Bin Laden, Gilani chiude con Washington. “Il rapporto ISI-CIA è finito”

Dopo l’uccisione di Bin Laden, Gilani chiude con Washington. “Il rapporto ISI-CIA è finito”

.. a morire erano presunti Taliban o civili senza nome in qualche radura nelle aree tribali, freddati dalle bombe intelligenti dei droni sguinzagliati senza autorizzazione oltre la Linea Durand, lo smacco era gestibile. Bastava qualche colpo di tosse ai microfoni, magari una donazione in dollari per costruire case sopra i crateri delle esplosioni, e Gilani usciva dall’ennesima bufera limitando i danni

Violenze anti-cristiani in Kashmir. Uccisi 17 musulmani.

Violenze anti-cristiani in Kashmir. Uccisi 17 musulmani.

Violenze contro i cristiani in Kashmir…il Papa in persona è intervenuto con un messaggio di condanna contro l’odio e le violenze, precisando poi “anti-cristiane” . Condanna che noi di Indika condividiamo fermamente, sebbene qualche puntino sulle ‘i’ debba per forza essere messo! A partire dall’estensione della solidarietà a tutte le confessioni religiose, compresi i barbuti musulmani, ormai associati nell’immaginario di molti ‘divoratori di tg italiani’ alla stregua di uomini bomba o di talebani armati e rintanati in qualche grotta in mezzo alle montagne!

Basta attacchi con i droni in Pakistan. Dagli Stati Uniti solo aerei spia

Basta attacchi con i droni in Pakistan. Dagli Stati Uniti solo aerei spia

Basta bombardamenti con i droni nelle aree tribali del Pakistan. Troppe vittime civili e troppi ‘incidenti’ nel corso degli attacchi, hanno creato un diffuso risentimento popolare verso gli Usa e verso il governo pakistano che li appoggia. Per il futuro, le truppe di Islamabad potrebbero essere dotato solo di aerei spia per il monitoraggio del territorio. Intanto Robert Gates chiede all’esercito pakistano di estendere la propria azione oltre la Liena Durand, in territorio afghano.

Da Repubblica: Pakistan, così Al Qaeda sogna la bomba atomica. Reportage di Guido Rampoldi

Da Repubblica: Pakistan, così Al Qaeda sogna la bomba atomica. Reportage di Guido Rampoldi

L’equilibrio interno del Pakistan si fa sempre più precario, ma Islamabad continua a sostenere la proliferazione nucleare, con un programma tanto accelerato quanto imprevedibile. Ciò contribuisce a trasformare la teocrazia islamica in uno dei paesi più instabili al mondo, con l’India a sostenere questo squilibrio per indebolire Islamabad, cui si aggiungono i timori per un crescente interesse da parte di Al Qaeda per la Bomba pakistana. Ecco l’interessante reportage di Guido Rampoldi.

Pakistan: attacchi dei musulmani contro i cristiani in Punjab. Otto persone arse vive e 50 abitazioni rase al suolo. Un episodio di blasfemia all’origine delle violenze

Pakistan: attacchi dei musulmani contro i cristiani in Punjab. Otto persone arse vive e 50 abitazioni rase al suolo. Un episodio di blasfemia all’origine delle violenze

Gravi violenze contro i cristiani nel Punjab pakistano. In seguito alla dissacrazione del Corano da parte di alcuni cristiani, una folla di musulmani ha dato alle fiamme 50 case e 2 chiese nel villaggio di Koriyan, mentre nella vicina città di Gojra 8 persone sono state bruciate vive. Tra loro un bambino e 4 donne. L’aggiornamento