Gerusalemme, 19 Settembre 2009. L’occhio l’ungo del Mosad (i servizi segreti israeliani) è arrivato anche in India, ScreenShot176dove, avvertono, nelle prossime settimane potrebbero esserci nuovi attentati tipo quello di Mumbai del 26 novembre 2008. L’allarme, diffuso nei giorni scorsi dai media di Gerusalemme e Tel Aviv, è rivolto soprattutto ai tantissimi turisti israeliani che ogni anno visitano l’India, trascorrendo mesi nelle zone turistiche e nelle grandi metropoli. Stando alle notizie uscite ieri mattina su Channel Two, i sospetti sembrano puntare su possibili terroristi di provenienza pakistana, legati ad Al Qaeda, per i quali turisti stranieri, soprattutto occidentali ed ebrei, sarebbero gli obbiettivi principali. Difficile stabilire se si tratti di una notizia fondata o solo di ‘rumors’. Del resto, affermare che nel futuro dell’India ci saranno nuovi attentati equivale a dire che prossimamente nella Foresta Amazzonica pioverà… Tuttavia, ciò che interessa di tutta questa storia, è il fatto che Israele abbia intensificato la propria attività di spionaggio nel Subcontinente Indiano, affiancando i colleghi del Raw (servizi segreti indiani) nell’attività di spionaggio rivolta al blocco pakistano.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, supervisore dei servizi d’intelligence, non ha ancora dato conferma ufficiale alla notizia.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.