Monica da Bhopal ci aggiorna: “è salito a 125 il numero dei morti, mentre i feriti sono 327. Non si conosce ancora il numero dei terroristi, intanto c’è stata una nuova esplosione all’Hotel Taj Mahal. L’Oberoi-Trident è in fiamme e il premier Singh sostiene che si tratta di un tentativo per seminare il panico”

fonte Adnkronos

India, un italiano ucciso e 7 prigionieri. Blitz all’Oberoi, liberi alcuni ostaggi

Ieri attacchi simultanei e coordinati a Mumbai, capitale finanziaria del Paese. Assaltati alberghi, la stazione e l’ospedale. L’ultimo bilancio parla di 101 persone uccise, fra cui 9 stranieri, e 314 feriti. Riuscito il blitz all’hotel Taj. Alcuni terroristi forse pachistani.

 

 

Ultimo aggiornamento: 27 novembre, ore 14:36

Roma, 27 nov – (Adnkronos/Ign) – La Farnesina ha confermato la morte di un cittadino italiano negli attentati di ieri a Mumbai. In tutto le vittime sono 101, fra cui 9 stranieri, e 314 i feriti. Le forze di polizia hanno liberato tutti gli ostaggi dell’hotel Taj. Ancora in corso il blitz all’Oberoi

14:18 – BUSH CONDANNA GLI ATTENTATI, PRONTI AD ASSISTERE NUOVA DELHI

Il presidente americano George Bush ha condannato gli attacchi terroristici a Mumbai, dichiarando che gli Stati Uniti “sono pronti ad assistere e sostenere il governo indiano”. “Gli Stati Uniti condannano questo attacco terroristico e continueranno ad essere al fianco del popolo dell’India in questo momento tragico”, ha detto la portavoce della Casa Bianca, Dana Perino. Secondo i media americani, gli Stati Uniti sono pronti a inviare agenti dell’intelligence in India, se il loro aiuto verra’ richiesto.

14:15 – PAPA, PORRE FINE A OGNI ATTO DI TERRORISMO

14:12 – PREMIER SINGH ACCUSA TERRORISTI VENUTI DALL’ESTERO

Il primo ministro indiano Manmohan Singh ha dichiarato oggi che gli attacchi in corso a Mumbai sono opera di terroristi venuti dall’estero. “E’ evidente che il gruppo che ha condotto questi attacchi, basato fuori dal nostro Paese, e’ giunto con l’unica idea di portare distruzione nella capitale commerciale del Paese” – ha detto Singh in un discorso alla nazione, diffuso in Tv.

14:07 – CNN, OSTAGGI RILASCIATI DALL’HOTEL OBEROI

Alcuni ostaggi sono stati rilasciati dall’Hotel Oberoi a Mumbai, riferisce la Cnn. si tratterebbe di dieci persone.

13:50 – PRESIDENZA UE, PRONTI A INVIARE SOCCORSI

L’Unione europea e’ ”pronta a inviare soccorsi umani, medici e materiali” per sostenere le vittime degli attentati di Mumbai. Lo ha detto il ministro dell’Interno francese, Michelle Alliot-Marie, nel corso di una conferenza stampa al termine del Consiglio Giustizia affari interni Ue a Bruxelles. Il ministro parlava a nome della presidenza di turno francese dell’Ue.

13:49 – SOTTOSEGRETARIO SCOTTI, C’E’ LA MANO DI AL QAIDA. A MUMBAY 330 ITALIANI

Gli attacchi a Mumbay “sono stati rivendicati dai Mujahiddin del Deccan, gruppo estremista islamico finora sconosciuto. La tipologia, l’organizzazione meticolosa messa in campo e le modalita’ operative di questi atti terroristici, sembrano rendere altamente probabile che dietro gli stessi vi possa essere la mano di Al Qaida”. Lo ha affermato il sottosegretario agli Esteri Vincenzo Scotti in un’informativa resa alla Camera. L’esponente del Governo ha reso noto che “gli italiani a Mumbay ammontano complessivamente a 330 secondo le autorita’ consolari che li stanno contattando tutti per necessaria precauzione”. Per quanto riguarda gli alberghi oggetto degli attentati, “nell’hotel Oberoi risulterebbero asserragliati ancora 7 italiani”, mentre “il Taj risulta essere stato evacuato e un funzionario della Farnesina e’ riuscito ad entrarvi a seguito delle Forze di Polizia indiane. 40 connazionali sono ora ospitati dal console generale italiano a Mumbay”.

13:48 – TERRORISTI NEL CENTRO EBRAICO, OSTAGGI LIBERATI SE APRITE COLLOQUI

I terroristi asserragliati nel centro ebraico di Naridam House a Mumbai hanno telefonato ad una rete televisiva indiana dichiarando di essere pronti a liberare gli ostaggi israeliani che tengono prigionieri se il governo accettera’ di negoziare con loro. Lo riferisce il sito israeliano di Haaretz. “Chiedete al governo di parlare di noi e rilasceremo gli ostaggi”, ha detto uno dei terroristi, identificato solo con il nome di Imran, parlando al telefono in urdu, con un forte accento del Kashmir. Nella Naridam House, uno dei diversi luoghi presi di mira negli attacchi terroristici a Mumbai, si trovano almeno tre ostaggi israeliani, fra cui un rabbino.

13:14 - INTERCETTATA LA NAVE SU CUI SAREBBERO ARRIVATI I TERRORISTI

La marina indiana ha intercettato la nave mercantile ”NV Alpha” su cui sarebbero sbarcati a Mumbai i terroristi che hanno assaltato la citta’. Secondo fonti della marina citate dall’agenzia di stampa Ians, un gruppo di 10-12 terroristi e’ arrivato al largo della citta’ a bordo di questa imbarcazione, per poi disperdersi a bordo di gommoni.

12:47 – ATTENTATORI SAREBBERO PACHISTANI, ARRIVATI SU DELLE BARCHE

Fra i terroristi responsabili degli attacchi di Mumbai vi sono dei cittadini pachistani, scrive il Times of India, citando fonti autorevoli. “Vi sono indicazioni che gli autori dei crimini, arrivati a Mumbai su delle barche, siano cittadini pachistani”, ha riferito una fonte, spiegando che tali informazioni sono state ottenute dai terroristi catturati. La polizia della zona di Colaba a Mumbai, secondo altre notizie giunte al Times of India, ha sequestrato quattro barche che sarebbero state usate dai terroristi per raggiungere la costa.

12:40 – ASIAN AGE, POLIZIA IMPREPARATA DAVANTI AD ATTENTATI MUMBAI

Il governo indiano e’ stato colto “totalmente impreparato” dai devastanti attentati che hanno colpito Mumbai, la capitale finanziaria del subcontinente: e’ quanto dichiarato ad AKI-ADNKRONOS INTERNATIONAL da Hussain Zaidi, giornalista del quotidiano indiano ‘The Asian Age’. “Tutta Mumbai e’ sotto assedio. Nessuno puo’ dire che il paese sia sicuro”, ha spiegato Zaidi. Gli attentatori, dotati di granate e armi automatiche, hanno preso di mira sette obiettivi nel distretto economico e turistico della citta’, tra cui due alberghi di lusso. La polizia ha dichiarato alla televisione locale che l’assedio al Taj Mahal Hotel – uno dei piu’ prestigiosi di Mumbai – e’ finito, ma altri civili sarebbero ancora in ostaggio nel vicino Oberoi hotel. “Sono arrabbiato con gli apparati di sicurezza indiani. Sono stati colti sonnecchianti. Erano totalmente impreparati”, ha detto Zaidi ad AKI. Il giornalista ha precisato che i terroristi coinvolti negli attentati erano tra i 40 e i 50.

12:34 – CINEASTA AUSTRALIANO SCAPPA DA FINESTRA CON CORDA DI TENDE STRAPPATE

Un cineasta australiano e’ fuggito assieme ad altre persone da una finestra dell’Hotel Taj Mahal di Mumbai usando una corda intrecciata con tende strappate. Lo ha raccontato lo stesso cineasta, David Gross, alla rete televisiva australiana Abc. “Sono state state sparate centinaia di pallottole – ha raccontato – e a un certo punto ci siamo resi conto che stavano arrivando e non avremmo potuto ferarli”. Allora gli ospiti hanno strappato le tende e intrecciato una corda lunga 20 metri, hanno rotto una finestra e si sono calati fino in strada.

12:27 – FERITI DUE SPAGNOLI, MADRID INVIA AREO

Feriti anche due spagnoli nel triplice attentato perpetrato a Mumbai che ha causato almeno 100 morti e quasi mille feriti. “Sono stati feriti due spagnoli” ha dichiarato a Bruxelles il ministro dell’Interno spagnolo Alfredo Pe’rez Rubalcaba. “Il governo ha inviato un aereo per evacuare i nostri concittadini al piu’ presto possibile”. Secondo fonti spagnole comunque lo stato di salute delle due vittime non e’ grave. Il console spagnolo a Mumbai, Ce’sar Alba, ha dichiarato alla radio nazionale spagnola Rne che tutti gli spagnoli presenti a Mumbai sono stati localizzati. Una ventina si è rifugiata nella residenza consolare, di cui undici imprenditori che partecipavano ad una missione in India con del presidente della regione di Madrid, Esperanza Aguirre. Aguirre, esponente della destra spagnola si trovava in uno degli hotel di lusso colpiti dagli attacchi.

12:14 – INDIA: VELTRONI, DOLORE E ALLARME PER ASSALTO TERRORISTA A MUMBAI

“La tragica uccisione di Antonio de Lorenzo a Mumbai e il terribile attacco dei terroristi che ha provocato cento morti e sta insanguinando l’India ci colpiscono e feriscono profondamente”. Lo afferma Walter Veltroni in una nota. Il segretario del Pd aggiunge: “Cio’ che succede in quella metropoli cosi’ sensibile e importante e’ un segnale di allarme da non sottovalutare, e’ il segno che il terrorismo ha scelto nuovi obiettivi e che punta a colpire in maniera mirata i turisti e a seminare il terrore tra la popolazione inerme. L’uccisione di tante persone e di un turista italiano, il fatto che altre decine di persone siano ostaggio dei terroristi in una situazione drammatica, allarma tutti gli italiani, che sono vicini alle vittime di questi tragici assalti e -conclude Veltroni- al popolo indiano”.

12:08 – FRATTINI, 40 ITALIANI NEL CONSOLATO E 7 IN ALBERGO ASSEDIATO

“Quaranta italiani rifugiati nel consolato, altri sette, secondo le ultimissime indicazioni, ancora nell’albergo non del tutto liberato, con cui siamo in contatto, e poi un connazionale deceduto”. E’ questa la situazione dei nostri connazionali a Mumbay all’indomani degli attacchi, secondo quanto ha detto il ministro degli Esteri Franco Frattini. A questo punto “ci auguriamo una ripresa di controllo immediata da parte delle forze speciali indiane – ha sottolineato il titolare della Farnesina – e poi una reazione forte, durissima, da parte delle autorita’ di Nuova Delhi”.

11:58 – SOLANA, DURA CONDANNA ATTACCHI MUMBAI

“Condanno nei termini piu’ duri possibili gli odiosi attacchi terroristici perpetrati nella citta’ di Mumbai”. Lo scrive l’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Ue Javier Solana in una nota, progendo le sue ”condoglianze alle famiglie delle vittime”. Solana sottolinea che “questi atti mostrano ancora una volta la necessita’ che la comunita’ internazionale resti unita contro il terrorismo e lotti contro di esso con determinazione”.

12:02 – MISSIONARIO MUMBAI, ANCORA NON CHIARO OBIETTIVO ATTENTATI

”Chi ha orchestrato gli attacchi, cosa hanno di mira? Si possono fare delle ipotesi, ma ancora non si capisce”. Padre Carlo Torriani, missionario del Pime (Pontificio istituto missioni estere) a Mumbai, ha raccontato all’agenzia cattolica Asianews di aver avuto la notizia alle prima luci dell’alba. ”Per quello che sappiamo – continua il missionario – viene da pensare che si tratti di un attacco che viene dell’esterno del Paese. Sono stati colpiti l’ospedale, la stazione centrale, una centro israeliano, l’Oberoi, il Taj Mahal”. Giornali e governo parlano di sette localita’ sotto attacco nella notte, ma testimoni oculari raccontano di aver assistito a spari e esplosioni anche in altri luoghi della capitale.

11:49 – DELEGAZIONE PARLAMENTO UE SALVA IN CONSOLATO FRANCESE MUMBAI

Una delegazione di tredici rappresentanti del Parlamento Europeo coinvolti negli attentati di ieri sera a Mumbai e’ in salvo. Lo ha dichiarato all’agenzia di stampa tedesca Dpa il deputato Daniel Caspary, membro della Commissione Trasporti. Per telefono Caspary ha raccontato che sei parlamentari e sei membri dello staff sono riusciti a scappare al consolato francese di Mumbai. La delegazione si trovava all’Hotel Taj quando uomini armati hanno fatto irruzione aprendo il fuoco. Caspary, che al momento non era in hotel, ha detto che alcuni dei deputati sono fuggiti dall’albergo sotto una ”pioggia di pallottole”. Un altro membro del gruppo, il deputato Sajjad Karim, era nella hall dell’albergo al momento dell’assalto ed e’ riuscito a rifugiarsi in uno scantinato. La delegazione sta ora organizzandosi per tornare in Europa.

11:42 – GASPARRI, NON POSSIAMO CEDERE AL TERRORISMO

“Con orrore apprendiamo dei feroci attacchi terroristici a Mumbai. Contro il fondamentalismo e la sua ferocia dobbiamo mantenere alta la guardia”. Lo afferma il capogruppo del Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, secondo il quale “fa bene il governo Berlusconi a porre il problema della sicurezza interna e internazionale tra le priorita’ del governo. Molte iniziative sono state gia’ prese, ma i drammatici fatti accaduti in India riaccendono allarme e preoccupazione”.”Nell’esprimere profondo cordoglio e vicinanza ai familiari dell’italiano ucciso dall’attacco terroristico non possiamo che ribadire la ferma condanna per questi atti deplorevoli e il nostro impegno per la democrazia e la liberta’ per le quali anche le autorita’ indiane sono chiamate a collaborare”, conclude Gasparri.

11:41 – ROTONDI, CORDOGLIO E VICINANZA A FAMILIARI VITTIMA

”Esprimo cordoglio e vicinanza alla famiglia di Antonio De Lorenzo, il nostro connazionale rimasto vittima dell’orribile azione terroristica in India. Quella al terrorismo e’ una difficile guerra che va combattuta senza se e senza ma e che richiede un livello di guardia costantemente alto”. Lo dichiara il segretario della Dca, Gianfranco Rotondi.

11:11 – AMBASCIATORE ITALIANO, NOSTRI CONNAZIONALI ANCORA IN OSTAGGIO

E’ ”probabile” che ci siano ”italiani negli hotel che sono ancora nelle mani dei terroristi”. A dichiararlo ad AKI – ADNKRONOS INTERNATIONAL e’ il neo ambasciatore italiano in India, Roberto Toscano. Gli attentati, ci tiene a ricordare, ”non sono ancora finiti. Le bombe esplodono ancora, i terroristi sono ancora negli hotel e soprattutto lo sono gli ostaggi. Non possiamo sapere di chi si tratta perche’ le liste degli ospiti degli hotel non sono consultabili – ci dice – ma riteniamo probabile che ci siano cittadini italiani” tra gli ostaggi nei ”due hotel ancora in mano ai terroristi, l’Oberoi e il Trident”. Esprimendo cordoglio per il cittadino italiano ucciso, Antonio de Lorenzo, Toscano dice che ”membri del consolato sono entrati nell’hotel Taj Mahal, quindi sembrava bonificato dalla polizia. Ma recenti notizie ci parlano di un’esplosione, quindi forse c’e’ ancora qualche terrorista nascosto nella struttura, che e’ molto grande”.

10:51 – SCHIFANI: SGOMENTO E SDEGNO PER ATTENTATI

“Il Presidente del Senato, Renato Schifani, ha espresso sgomento e sdegno per gli incivili atti terroristici che hanno seminato morte e terrore a Mumbai e hanno provocato la morte di un cittadino italiano”. Si legge in una nota di palazzo Madama. “Il Presidente Schifani -si sottolinea- esprime il suo piu’ profondo cordoglio alla famiglia di Antonio De Lorenzo, vittima dei tragici fatti firmati dal terrorismo integralista islamico.Il Presidente del Senato e’ in stretto contatto con la Farnesina per seguire l’evolversi della situazione”.

10:49 – BERLUSCONI, CORDOGLIO GOVERNO PER VITTIMA ITALIANA

“Il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, informato del decesso del connazionale italiano, Antonio De Lorenzo, rimasto vittima degli attentati che hanno colpito la città indiana di Mumbai, esprime il cordoglio suo e del Governo alla famiglia. Il Presidente Berlusconi segue in contatto con la Farnesina l’evolversi della situazione a Mumbai”. Si legge in una nota di palazzo Chigi.

10:47 – PRESIDENZA UE, ORRORE E INDIGNAZIONE PER ATTACCHI A MUMBAI

“La presidenza francese dell’Unione Europea ha appreso con orrore e indignazione degli atti terroristici che sono stati perpetrati a Bombay (Mumbai). Li condanna con la più grande fermezza”. E’ quanto si legge in un comunicato diramato a Bruxelles. La presidenza francese “condanna con la stessa forza la presa di ostaggi” in alcuni alberghi della citta’ da parte dei terroristi. Una dura presa di posizione e’ giunta anche dalla Commissione Europea la quale, e’ scritto in un comunicato, “condanna nei termini piu’ forti gli odiosi attacchi terroristici questa notte a Mumbai, che sono costate la vita di tante persone innocenti e il ferimento di altre”. Bruxelles ricorda che “il terrorismo non e’ mai giustificato e non e’ un modo per ottenere alcun obiettivo. Restiamo al fianco del governo indiano nella lotta contro il terrorismo”.

10:29 – FINI, ORRORE E INDIGNAZIONE PER ATTENTATI MUMBAI

Il presidente della Camera, Gianfranco Fini, ha espresso in Aula tutto il suo “orrore ed indignazione” per i “tragici” attacchi terroristici che si sono verificati a Mumbai in India. Fini ha poi trasmesso “vivissimo cordoglio ed i sentimenti di vicinanza e solidarietà ai familiari di Antonio Di Lorenzo” e ha invitato l’aula ad un minuto di silenzio in memoria dell’italiano ucciso a Mumbai.

10:27 – HAARETZ, UN RABBINO FRA GLI OSTAGGI DI MUMBAI

Un rabbino, Gabriel Holtzberg, e’ fra gli otto israeliani sequestrati dai terroristi in azione a Mumbai da ieri sera. Lo rende noto il quotidiano israeliano Haaretz, precisano che il religioso, che ha anche un passaporto americano, si trova, insieme ad almeno altri due ostaggi, nel centro religioso ebraico della Naridam House, da cui invece stamane e’ stata liberata una donna e un bambino, con ogni probabilita’ i famigliari del rabbino. Altri ”cinque o sei israeliani”, si legge inoltre, sono fra i 100-200 ostaggi sequestrati in diversi luoghi della citta’.

10:21 – FINOCCHIARO, DA POLITICA PIU’ IMPEGNO CONTRO TERRORISMO

Il terrorismo “credo non sia mai finito ed e’ stato un errore pensare che fosse legato a un pezzetto di territorio del mondo. Il terrorismo e’ fenomeno globale”. Lo afferma Anna Finocchiaro, capogruppo del Pd al Senato. L’esponente del Pd esprime tutta la vicinanza del proprio partito “alla famiglia della vittima italiana” ma, aggiunge, “per chi fa politica questo e’ momento di pensare di tornare a ragionare con piu’ impegno sul terrorismo”.

10:15 – SITI AL-QAEDA ESULTANO PER ATTENTATI MUMBAI

“Oh Allah distruggi gli Indù e fallo nel modo peggiore”: questo è solo uno dei commenti apparsi in queste ore sui forum islamici che diffondono la propaganda di al-Qaeda in Internet. I seguaci di Osama Bin Laden stanno seguendo, attraverso i canali satellitari arabi, le notizie che vengono dall’India ed esultano per la serie di attentati messi a segno dai miliziani islamici nella capitale economica indiana. Nei siti di al-Qaeda appaiono poi decine di foto che ritraggono le vittime degli assalti di Mumbai e frasi generiche di incitamento nei confronti dei terroristi entrati in azione ieri sera contro i cittadini occidentali. Non si trovano invece comunicati o documenti ufficiali di rivendicazione dell’attacco, ne’ sono ancora apparse analisi su quanto sta accadendo.

10:08 – SALE A NOVE MORTI BILANCIO VITTIME STRANIERE

Sono almeno nove gli stranieri rimasti uccisi a Mumbai, fra i 101 morti dell’assedio terroristico della città. Lo rende noto il governo del Maharashtra, lo stato in cui si trova Mumbai, secondo quanto si legge sul quotidiano in lingua inglese ”The Times of India”. Fino a ora, sono stati confermati fra i morti stranieri, un italiano, un britannico, un australiano e un giapponese.

10:00 – FARNESINA, UN ITALIANO E’ MORTO A MUMBAI

La Farnesina conferma la morte di un cittadino italiano. Si tratta di Antonio De Lorenzo. ”Al termine di complessi accertamenti in una situazione che rimane molto tesa l’Unità di crisi in stretto raccordo con le nostre autorità diplomatico consolari in India ha potuto confermare l’avvenuto decesso di un nostro connazionale negli attentati che hanno avuto luogo a Mumbai. Si tratta del sig. Antonio de Lorenzo”, si legge in un comunicato del ministero degli Esteri. ”Il Ministro degli Esteri Frattini nell’esprimere il suo profondo cordoglio e la sua vicinanza ai familiari ribadisce la piu’ ferma condanna per quanto accaduto a Mumbai che conferma la necessita’ che la comunita’ internazionale mantenga alta la guardia contro questi atti di violenza gratuita ed ingiustificabile che colpiscono la popolazione inerme”, conclude la nota della Farnesina.

9:46 – INDIA: TIMES OF INDIA, LIBERATI TUTTI GLI OSTAGGI DELL’HOTEL TAJ

Il quotidiano in lingua inglese ‘The Times of India’ rende noto nella sua versione online che ”tutti gli ostaggi dell’Hotel Taj sono stati liberati”. Il quotidiano cita il capo della polizia di Mumbai, A N Roy.

9:28 – ALMENO SETTE BRITANNICI FERITI IN ASSEDIO MUMBAI

Almeno sette cittadini britannici sono rimasti feriti nel lungo assedio della città di Mumbai. Lo ha reso noto alla BBC l’Alto commissario britannico in India, Richard Stagg, precisando di ”aver visitato la maggior parte degli ospedali della città in cui sono state ricoverate le vittime degli attentati e incontrato diversi feriti britannici che in questo momento sono ricoverati e riteniamo che il numero dei feriti britannici potrà salire”, ha dichiarato. Fra gli almeno sei ostaggi stranieri tenuti sequestrati dai terroristi all’Oberoi e al Taj Mahal, vi è almeno un britannico, hanno reso noto diverse fonti giornalistiche (Cnn e the Times of India).

9:07 – FRATTINI: NON C’E’ ANCORA PIENO CONTROLLO DELLA SITUAZIONE

“La situazione è in evoluzione continua, le forze speciali indiane stanno preparando blitz mirati, ma non in tutti gli alberghi contemporaneamente. Non c’è ancora il pieno controllo della situazione”. Lo riferisce il ministro degli Esteri, Franco Frattini. Quanto alle vittime, “i dati ufficiali, non ancora confermati, parlano di 100 morti e alcune centinaia di feriti. Come emerso dal racconto di alcuni c’è stata una vera e propria caccia all’americano e all’inglese. I terroristi cercavano gente con passaporto americano e inglese”.

9:03 – FRATTINI, REGIA METICOLOSA ATTENTATI FA PENSARE AD AL QAEDA

“C’è estrema preoccupazione. Siamo di fronte a un strategia meticolosa” che non può che appartenere ad Al Qaeda. Lo spiega il ministro degli Esteri, Franco Frattin, ospite di Maurizio Belpietro su Canale 5. Secondo il titolare della Farnesina l’accurata regia dell’operazione fa pensare che si tratti di Al Qaeda: “Appartengono sicuro ad Al Qaeda visto il grado di organizzazione. Dai racconti poi è emerso che i terroristi che hanno fatto irruzione negli alberghi cercavano persone con passaporta britannico e statunitense: insomma e’ un’azione che segue i proclami di Osama Bin Laden”.

8:57 – FRATTINI: NESSUNA NOTIZIA DI VITTIMA ITALIANA

“Non abbiamo alcuna notizia di una vittima italiana. Non c’è alcuna conferma”. Così il ministro degli Esteri, Franco Frattini, risponde a Maurizio Belpietro su Canale 5 a proposito di voci su una possibile vittima italiana negli attentati di Mumbai in India. Il titolare della Farnesina smentisce e spiega che le autorità italiane sono già in contatto con sette dei nove italiani che si trovano a Mumbai: “Solo un paio di persone mancano all’appello. Gli altri li abbiamo raggiunti perché hanno il cellulare. Alcuni di loro sono chiusi camera negli alberghi colpiti dai terroristi”.

8:52 – TERRORISTI ANCORA ALL’INTERNO DEL TAJ E DELL’OBEROI CON OSTAGGI

Al Taj vi sono ”tra i quattro e i cinque terroristi” a tenere sotto controllo fra i 40 e i 50 ostaggi, precisa una fonte militare indiana, il maggiore R K Hooda, il comandante delle regioni degli stati del Maharashtra (in cui si trova Mumbai), Goa, e Gujarat citata dal quotidiano in lingua inglese ”The Times of India”. Al Taj le forze dell’ordine sono riuscite a uccidere cinque degli assalitori e ad arrestarne un altro. Nessuna richiesta e’ stata fatta dai terroristi alle autorita’ indiane per liberare gli ostaggi. All’Hotel Oberoi sarebbe iniziata un’operazione delle ‘teste di cuoio’ indiane (sono stati mobilitate le unita’ speciali dell’esercito e della marina) e dall’esterno dell’albergo si sono uditi spari, secondo quanto scrive il Times of India. Per il momento, un’unica rivendicazione: il gruppo fino a ora sconosciuto dei ”Deccan Mujahiddin” si e’ assunto la responsabilita’ dell’assalto di Mumbai con una mail inviata a diversi media locali.

8:50 – TERRORISTI ANCORA ALL’INTERNO DEL TAJ E DELL’OBEROI CON OSTAGGI

I terroristi che da ieri sera assediano Mumbai sono ancora asserragliati nei due alberghi a cinque stelle della città, il Taj Mahal e l’Oberoi, con un numero imprecisato di ostaggi anche stranieri. Le autorità hanno reso noto il bilancio delle vittime della lunga catena di attentati che ha colpito simultaneamente dieci diversi siti della città indiana: sono 101 i morti, fra loro sei stranieri, e 314 le persone ferite (i dati sono stati resi noti dal funzionario dell’unita’ di crisi della polizia della citta’, Ramesh Tayde). Mumbai oggi è bloccata: scuole e università sono chiuse, così come la borsa. I treni funzionano a ma a ritmo ridotto e all’aeroporto sono stati cancellati solo tre voli internazionali.

8:30 – OLTRE 100 I MORTI FRA CUI SEI STRANIERI

Anche sei stranieri sono rimasti uccisi nell’assalto di Mumbai. Lo rende noto il quotidiano in lingua inglese ‘The Times of India’ precisando che in totale sono morte 101 persone, esclusi i cinque terroristi uccisi negli scontri con le forze dell’ordine. Fra gli stranieri morti vi è un britannico, un australiano e un giapponese, si limita a precisare Cnn.

00:00 – CONSOLE ITALIANO, SITUAZIONE FLUIDA IRRUZIONE A BREVE

”Stiamo monitorando la situazione, che è molto fluida. Non sappiamo come siano ora le cose, ma riteniamo sia possibile un’irruzione a brevissimo”. Lo ha detto in un colloquio telefonico con ‘Porta a Porta’ il consale italiano a Mumbai Fabio Rugge, che non ha saputo indicare quanti siano al momento gli italiani presenti nella città indiana. ”Ci sono molte persone di passaggio, non abbiamo dati puntuali. Molto sono riusciti a lasciare gli alberghi, con molti di questi siamo in contatto anche con chi si trova nella sua stanza”. Tra questi la signora che si trova nell’hotel Oberoi insieme alla figlioletta di sei mesi.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.