DOMENICA 2 OTTOBRE ore 18, presso  Antiruggine, Via Borgo Treviso 158, Castelfranco Veneto (TV).

Oltre 100 scatti attraverso i quali l’esposizione riassume il lavoro a contatto con popolazioni e civiltà costrette al limite svolto da Emanuele Confortin, giornalista e fotoreporter, e da Massimo Branca e Igor Marchesan, fotografi e documentaristi. Confini e contesto urbano sono il teatro in cui va in scena il fallimento dell’integrazione, dove un’esistenza forzata, ai margini, mette gli individui di fronte all’impossibilità di scegliere. In questo fallimento il radicalismo e la tossicodipendenza ne traducono gli estremi. Nel loro lavoro di ricerca, gli autori entrano in contatto con  umanità sospese, spinte di giorno in giorno ai limiti della civiltà. Da questo la dicotomia del titolo: Delle Civiltà al Limite, ma al tempo stesso Al Limite delle Civiltà. 

Due le aree affrontate: il reportage sul campo di Emanuele Confortin, che dal 2015 racconta attraverso articoli e fotografie il “Purgatorio dei migranti”, dal confine siriano ai Balcani; il lavoro documentaristico di Massimo Branca e Igor Marchesan,  “Inside Outside Under Bucharest”, a rappresentare la vita sotterranea alla Gara de Nord di Bucarest.

L’inaugurazione è prevista domenica 2 ottobre alle ore 18, presso lo spazio Antiruggine – Castelfranco Veneto. Per l’occasione saranno presenti l’attore e scrittore Giuseppe Cederna, e il violoncellista Mario Brunello che eseguirà in prima assoluta “Hidden Identities” di Ezio Bosso, dedicata ai bambini di Bucarest. L’evento è stato organizzato in collaborazione con Porte Aperte APS di Castelfranco Veneto.

«Antiruggine vuole sentire e vedere le storie che hanno da raccontare giovani indipendenti, giovani “abitanti” tra noi. Noi che stiamo a guardare. Noi “abitanti” vorremmo forse guardare più da vicino il mondo, comprenderlo, sapere chi lo popola e conoscere chi sta arrivando ad abitare tra noi. Ma non c’è tempo, non si trova il tempo», spiega Mario Brunello.

La mostra resterà aperta fino al 12 novembre 2016 nei seguenti orari:

  • sabato e domenica dalle 16 alle 19;
  • durante le serate di Antiruggine;
  • per le scuole in orario scolastico, su appuntamento (info@indika.it).

GLI AUTORI

Emanuele Confortin, giornalista e fotoreporter.

Nel 1998 inizia ad occuparsi di Asia Centro-Meridionale e successivamente di Medio Oriente. Nel suo lavoro predilige il reportage sul campo, unendo l’indagine giornalistica al metodo della ricerca etnografica. Collabora con diversi quotidiani, periodici e radio in Italia e in Svizzera. Ha lavorato in Cina, India, Pakistan, Iran, Turchia, Palestina, Grecia e Balcani. Laurea magistrale in Lingue e Civiltà Orientali (Indirizzo indologico – Università Ca’ Foscari, Venezia), specializzazione in etnografia con una tesi diricerca sui tribali del Kinnaur, Himalaya indiano (2003-2005). Fondatore e co-direttore di Indika.it, uno dei più importanti blog italiani di informazione, approfondimento e cultura sull’Asia Centro-Meridionale.

Massimo Branca, fotografo documentarista indipendente.

Laureato in Antropologia (Università di Bologna), usa la fotografia come mezzo per entrare in contatto con la gente e dare al pubblico la possibilità di prendere consapevolezza. È co-fondatore del Collettivo Fotosocial, associazione che usa la narrazione visiva al fine di produrre un cambiamento sociale positivo. Branca predilige i progetti a lungo termine in cui può approfondire il tema di indagine. Nel 2015 è stato nominato Getty Reportage Emerging Talent.

Igor Marchesan ha scoperto la fotografia da bambino, quando sviluppava i suoi primi negativi nel lavandino di casa. Influenzato dalle sue origini Rumene, è partito con l’intenzione di indagare le dinamiche socio-culturali dell’Europa dell’Est. Lo scopo di Marchesan è di raccontare le storie delle persone che incontra lungo il suo cammino che lasciano un segno sulla sua vita.

 

antiruggine
cattura-eu

4 Responses to "Delle Civiltà al Limite, esposizione fotografica a Castelfranco Veneto"

Leave a Reply

Your email address will not be published.