Da Repubblica di oggi

DHARAMSHALA (India) 10 marzo 2009. Il Tibet è diventato “un inferno in terra”, e “centinaia di migliaia di tibetani” sono stati uccisi. Scaglia parole pesanti contro la Cina il Dalai Lama. In occasione del 50esimo anniversario della fallita rivolta tibetana contro i cinesi, dal luogo eletto per il suo esilio in India, a Dharamshala, il leader spirituale del buddismo tibetano ribadisce anche la rivendicazione per una “autonomia significativa” per il suo paese natale e, nonostante il dolore degli ultimi anni, si dice convinto che la causa tibetana vincerà.

“Questi ultimi 50 anni sono stati anni di sofferenza e distruzione per il territorio e il popolo del Tibet”, ha affermato il Dalai Lama, insignito nel 1989 del premio Nobel per la pace, in un discorso pronunciato nel tempio in cui vive da mezzo secolo, sulle pendici dell’Himalaya. Non solo: “La loro religione, cultura, linguaggio, identità sono prossimi a scomparire. I tibetani sono considerati criminali, meritevoli solo della morte”.

Dalai Lama: “La nostra causa vincerà”. “Noi, i tibetani, siamo alla ricerca di un’autonomia legittima e significativa che ci permetta di vivere nell’ambito della repubblica popolare di Cina”, ha ripetuto il Dalai Lama. “Non nutro alcun dubbio: la giustizia prevarrà a proposito della causa tibetana”, ha detto. Parole rassicuranti dopo che nel novembre scorso, lo stesso leader spirituale aveva “riconosciuto il fallimento” della sua lotta per un autonomia del Tibet, dopo otto anni di negoziati infruttuosi con Pechino.

La Cina, dal canto suo, respinge le accuse, accusando a sua volta il Dalai Lama di non distinguere “il vero dal falso” e di “diffondere voci fasulle”. “Le riforme democratiche nel Tibet sono le più importanti e profonde della sua storia”, ha assicurato il portavoce del ministero degli affari esteri, Ma Zhaoxu, che ha sottolineato di non voler “rispondere alle menzogne del Dalai Lama”.

Tensione Pechino-Washington. Pechino si è rivolta anche agli Stati Uniti, chiedendo in modo pressante che il Congresso americano non voti una risoluzione del deputato democratico Rush Holt che sollecita “il riconoscimento della disperazione del popolo tibetano” e invita ad “uno sforzo multilaterale per trovare una soluzione duratura e pacifica alla questione del Tibet”. Tale risoluzione, ha assicurato Zhaoxu, “va contro la storia e la realtà del Tibet”.

Per prevenire ogni forma di protesta in occasione del 50esimo anniversario della rivolta e in ricordo delle numerose vittime del marzo 2008 (21 morti secondo Pechino, 203 secondo i tibetani) la Cina ha dispiegato migliaia di uomini delle forze di sicurezza sull’altopiano tibetano e ai suoi confini, per impedire l’accesso di stranieri.

Manifestazioni in tutto il mondo. Intanto, in diverse parti del mondo ci sono state manifestazioni di solidarietà per il Tibet. Circa 300 persone hanno sfilato oggi davanti all’ambasciata cinese nella capitale australiana Canberra, dopo un corteo iniziato dal parlamento federale. Molti sventolavano bandiere dell’indipendenza tibetana o indossavano maschere con la scritta ‘Pace in Tibet’, e anche alcuni parlamentari si sono uniti alla protesta, fra cui il laburista Michael Danby, che presiede il gruppo parlamentare multipartitico per il Tibet. Quattro persone sono state arrestate quando un gruppo di manifestanti ha sfondato il recinto che limitava l’area designata per la protesta, ma sono state poi rilasciate senza imputazioni.

Anche a Katmandù, in Nepal, centinaia di esuli tibetani hanno manifestato portando striscioni su cui si legge: “Liberate il Tibet”, “Fermate gli omicidi in Tibet” e “Lunga vita al Dalai Lama”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.