Cina

Asia orientale

India, Cina e Pakistan tra i primi importatori di armi al mondo. Continua la super-militarizzazione dell’Asia

India, Cina e Pakistan tra i primi importatori di armi al mondo. Continua la super-militarizzazione dell’Asia

Negli ultimi 5 anni l’India ha conservato il primato di maggiore importatore di armi al mondo. La Cina scivola in quarta posizione, al pari del Pakistan. Sempre gli Stati Uniti in cima alla lista dei produttori, con Russia, Germania, Francia e UK a seguire. Ecco alcuni dati, oltre a qualche spunto.

L’ombra del golpe sul Pakistan. Ancora attriti tra governo ed esercito

L’ombra del golpe sul Pakistan. Ancora attriti tra governo ed esercito

Botta e risposta tra governo ed esercito in Pakistan. Torna l’ombra del possibile colpo di stato ad Islamabad, mentre i vertici tentano di stemperare la tensione. Ecco l’aggiornamento

India e Afghanistan più vicini. Il Pakistan accerchiato dal nemico di sempre

India e Afghanistan più vicini. Il Pakistan accerchiato dal nemico di sempre

Nuovi accordi tra Singh e Karzai per il futuro dei rapporti India-Afghanistan. Economia e sicurezza sul piatto della trattativa, ma per New Delhi il rinnovato deal con Kabul vale una posizione strategica nello scacchiere asiatico. Ecco il commento.

Potenze asiatiche e occidentali mostrano i muscoli nelle acque internazionali

Potenze asiatiche e occidentali mostrano i muscoli nelle acque internazionali

Nelle acque dell’Oceano Indiano e dell’Oceano Pacifico si contano gli schieramenti militari delle potenze asiatiche. La Cina guida la classifica, nella quale figurano anche uomini e mezzi statunitensi. Il gap militare dell’India risulta evidente anche fuori dalle proprie coste.

East 34 è in edicola. Analisi e reportage dall’Est del Mondo, con focus sulla Cina

East 34 è in edicola. Analisi e reportage dall’Est del Mondo, con focus sulla Cina

East 34 è in edicola. Dall’Europa dell’Est alla Cina, con approfondimenti e reportage d’eccezione. In questo numero segnaliamo un importante fascicolo sulla Cina, da cui il titolo del volume. Presente anche servizi sull’India e l’Asia Meridionale.

New Delhi torna lungo il confine indo-cinese. Il ministro della Difesa Antony vola a Nordest

New Delhi torna lungo il confine indo-cinese. Il ministro della Difesa Antony vola a Nordest

Il ministro della Difesa Antony parte alla guida di una missione ufficiale nel Nordest dell’India. Infrastrutture e posizonamento strategico le ragioni principali del viaggio, in un’area dove sono forti gli attriti tra esercito di New Delhi e Pechino. L’approfondimento su Indika.

Centri Commerciali e lusso nell’Asia del Cambiamento. Da Area7

Centri Commerciali e lusso nell’Asia del Cambiamento. Da Area7

È il caso di Mumbai, dove alcuni dei celebri hotel di Marine Drive proiettano la loro ombra sul più grande slum di tutta l’Asia. In Cina invece, vicino ai negozi d’elite ci sono edifici meno appariscenti ma organizzati in modo simile, con altrettante boutique piene della stessa mercanzia fedelmente riprodotta, frequentati da qualche cinese più o meno facoltoso e da molti manager stranieri alla ricerca del marchio noto a poco prezzo.

Pakistan e Cina assieme sul nucleare. Islamabad: “lo facciamo per fini pacifici”

Pakistan e Cina assieme sul nucleare. Islamabad: “lo facciamo per fini pacifici”

Pakistan e Cina sempre più vicini sul nucleare. La diffidenza di New Delhi non scompone il governo di Islamabad, che replica rivendicato il diritto ad avere nuove fonti energetiche come il nucleare civile. Sempre in bilico la bilancia geopolitica dell’Asia Meridionale.

‘Verso Dove Non So’, dal vicentino all’India in tandem. Al via il grande viaggio di Simone e Dino

‘Verso Dove Non So’, dal vicentino all’India in tandem. Al via il grande viaggio di Simone e Dino

Un tandem, due ruote, quattro gambe e 15 mila chilometri da percorrere. L’avvenutra di Simone e Dino è iniziata ieri, e una pedalata dopo l’altra l’India si avvicina se pur lentamente. Simone è non vedente ma determinato e spinto dalla passione per il viaggio, legato a Dino da un legame forte di amicizia che li porterà lontano.

Nuovo missile a testata nucleare per l’esercito indiano. Pechino replica “non devono esserci minacce”

Nuovo missile a testata nucleare per l’esercito indiano. Pechino replica “non devono esserci minacce”

Continua la corsa al riarmo dell’esercito indiano. Testato un nuovissimo missile a media gittata in grado di trasportare un ordigno nucleare da 1,5 tonnellate. Pronta reazione da parte della Cina, che sottolinea i rapporti di buon vicinato avuti fino ad ora.

Dalai Lama, la Cina avverte Obama: “Un incontro minerebbe relazioni”

Dalai Lama, la Cina avverte Obama: “Un incontro minerebbe relazioni”

Il governo di Pechino si oppone con forza all’eventuale incontro tra il leader tibetano, presto in visita negli Stati Uniti, avvertendo oggi Washington che un eventuale incontro tra il presidente americano Barack Obama e il leader spirituale dei tibetani sarebbe “irragionevole” e “minerebbe seriamente” le relazioni tra Cina e Stati Uniti.

Metà degli armamenti indiani sono obsoleti. La Cina testa nuovi missili

Metà degli armamenti indiani sono obsoleti. La Cina testa nuovi missili

Almeno metà dell’arsenale bellico indiano è obsoleto. New Delhi prosegue la propria corsa al riarmo confermando il budget di 100 miliardi di dollari da spendere entro il 2020. Nel frattempo Pechino testa nuovi missili intercettatori, lanciando un messaggio agli Usa, intenzionati a dotare Taiwan di missili Patriot. Ecco le nuove mosse sulla scacchiera della geopolitica internazionale.

L’India ammette perdita “sostanziale” di territori lungo il confine con la Cina

L’India ammette perdita “sostanziale” di territori lungo il confine con la Cina

La Cina continua ad ‘erodere’ territori all’India lungo il confine in Ladakh. La denuncia giunge al termine di un summit ufficiale avvenuto nei giorni scorsi a Leh, capitale del Ladakh. Continua dal 1962 la disputa per il controllo territoriale tra Pechino e New Delhi.

È crisi diplomatica tra India e Cina su Arunachal Pradesh e Kashmir pakistano

È crisi diplomatica tra India e Cina su Arunachal Pradesh e Kashmir pakistano

Si fa pesante la crisi diplomatica tra governo indiano e cinese. La Cina accetta di cooperare con il Pakistan nella realizzazione di nuove infrastrutture nell’Azad Kashmir. Agli occhi di New Delhi (e non solo), si tratta di una pericoloso legittimazione dell’autorità pakistana in quella parte della regione, oggetto di 3 guerre e di un’interminabile contesa tra India e Pakistan. Pechino dal canto suo critica le strategie politiche del governo Singh in Arunachal Pradesh, considerato territorio spettante alla Cina.

Le forze aeree indiane sono troppo deboli. Impossibile il confronto con la Cina

Le forze aeree indiane sono troppo deboli. Impossibile il confronto con la Cina

L’India punta a ridurre il gap militare con la Cina. Impossibile ora fronteggiare le principali problematiche di sicurezza ai confini. La denuncia dei comandanti di aeronautica e marina: servono più aerei e maggiori spese militari. La minaccia di Pechino incombe sui confini indiani.

Il mega-gasdotto IPI interessa anche alla Cina. Dall’Iran l’ultimatum definitivo per New Delhi

Il mega-gasdotto IPI interessa anche alla Cina. Dall’Iran l’ultimatum definitivo per New Delhi

Resto poco tempo all’India per decidere se sottoscrivere l’accordo per la costruzione dell’IPI, il super gasdotto da 60 milioni di metri cubi al giorno che dovrebbe passare tra Iran, Pakistan e India. Colpa della Cina, che ha manifestato un serio interesse per il progetto, provocando la reazione di Teheran, da cui è giunto l’ultimatum definitivo per New Delhi. “O decidi in tempi brevi o coinvolgiamo gli altri”.

Sconfinamenti cinesi lungo il confine indano, arriva la conferma ufficiale. Il precedente a gennaio 2009

Sconfinamenti cinesi lungo il confine indano, arriva la conferma ufficiale. Il precedente a gennaio 2009

Sconfinamenti dell’esercito cinese oltre il confine indiano. L’ultimo episodio il 21 giugno, quando un elicottero militare ha trasportato del cibo in scatola a Chumar, località situata entro i confini indiani, situata a nordest di Leh, in Ladakh. La conferma è giunta dal generale in capo dell’esercito Kapoor, che ha smentito il riaccendersi delle tensioni con Pechino. L’ultimo episodio era avvenuto a gennaio, come riportato da alcuni testimoni oculari e dalla nota inoltrata al governo del Jammu & Kashmir.

L’Africa e la Cina di Massimo Alberizzi. Katanga Business, il film denuncia. Dal Corriere della Sera

L’Africa e la Cina di Massimo Alberizzi. Katanga Business, il film denuncia. Dal Corriere della Sera

Leggendo il Corriere della Sera di lunedì, ho trovato un interessante servizio di Massimo Alberizzi, intitolato Katanga Business, il fiml denuncia. Il giornalista italiano, uno dei maggiori esperti in ‘questioni’ africane, parla della situazione delle miniere del Congo, partendo dall’esperienza di Therry Michel, impegnato regista belga che ha da poco presentato il suo ultimo film documentario sui legami tra violenze e business nella provincia del Katanga. Si tratta di un’area ricchissima di risorse minerarie di ogni genere, finita nel mirino di autorità corrotte locali e degli interessi cinesi, indiani, israeliani, canadesi, australiani, sudafricani e statunitensi. Ecco il pezzo, che Alberizzi ha messo a disposizione per Indika, concedendoci anche una breve intervista che pubblichiamo in apertura. Per leggere e vedere il trailer del film….

Il BRIC lancia la sfida alla supremazia occidentale. Ecco come Brasile, Russia, India e Cina cambieranno le cose

Il BRIC lancia la sfida alla supremazia occidentale. Ecco come Brasile, Russia, India e Cina cambieranno le cose

Presto la mappa geo-politica e geo-economica del pianeta potrebbe essere stravolta, con un radicale ridimensionamento del peso delle nazioni occidentali, il cui senso di ‘intoccabilità’ inizia a scricchiolare. Merito o colpa (dipende dai punti di vista) del BRIC, le quattro più importanti potenze emergenti: Brasile, Russia, India e Cina, riunite in questi giorni a Yekaterinburg in Russia per definire nuove strategie comuni. Tra i temi principali, figurano la crisi finanziaria e il ridimensionamento del dollaro USA. L’aggiornamento, con alcune utili considerazioni sugli scenari possibili.