Persepoli, Ottobre 2015. L’antica città di Persepoli fu resa immortale nel 512 a.C. quando Dario il Grande la scelse come nuova capitale dell’impero persiano. La sua opera fu portata avanti dagli illustri successori (come Serse I e II, Antaserse I, II e III) che abitarono i sontuosi palazzi di questo straordinario angolo dell’Iran, posto a due ore di viaggio da Shiraz. Visitando il sito si può cogliere il fascino senza tempo del complesso monumentale, imponente, .. malgrado le temperature oltre i 45 gradi. Il nostro viaggio fotografico inizia dall’imponente portale di ingresso, e prosegue verso il cuore della cittadella regale, abitata dalla famiglia reale. Infine i resti del palazzo del tesoro.. si racconta che Alessandro il Macedone abbia utilizzato ben 30 mila cammelli per saccheggiare l’immensa fortuna accumulata da Dario e i suoi discendenti.

Proponiamo oggi una selezione di immagini in bianconero scattate il 20 agosto 2015

La prima descrizione della città Achemenide fu Giosaphat Barbaro, ambasciatore Veneziano che nel 1473 sembra abbia visitato Persepoli. I resti dell’antica capitale tornarono alla luce grazie all’iniziativa dell’Istituto Orientale dell’Università di Chicago, che incaricò il professore Erns Herzfeld di curare gli scavi. Le rovine di Persepoli giacciono ai piedi del monte Kuh-e Rahmat, 50 km a nord di Shiraz. Sulla montagna sorgevano la cittadella e le residenze dei corpi di guardia, mentre alle pendici, opportunamente spianate, si trova il principale complesso di palazzi, che aveva funzioni di rappresentanza e di cerimonia, ai piedi della piattaforma la città stessa cinta da mura.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.