Srinagar, 13 Maggio 2010. Simone Mestroni è un giovane antropologo laureato alla Sapienza di Roma, attualmente iscritto al dottorato in antropologia dell’università di Messina. Parte della sua tesi di ricerca, intitolata “Etnonazionalismo kashmiri: pratiche ed immaginari” è disponibile online, mentre in questo post pubblichiamo una selezione di ottime foto, scattate da Mestroni durante i 6 mesi di ricerca sul campo a Srinagar, nel Kashmir indiano. Un ringraziamento all’autore, e complimenti per lo spessore del lavoro svolto.

Simone Mestroni presenta la sua galleria: l’idea è di presentare attraverso il potere evocativo delle immagini l’aspetto contestuale della violenza a Srinagar. Attraverso un breve racconto fotografico ho provato a raccontare la dimensione “ludica” degli scontri di routine tra adolescenti kashmiri e forze armate  , il capitale simbolico e l’economia morale che in qualche modo asseconda, legittima e sostiene le proteste, la circolarità sterile del procedere degli eventi. L’idea centrale è di spezzare l’impianto dicotomico che ci fa pensare a vittime e carnefici come entità limpidamente distinguibili, per arrivare ad un’idea di paradossale interazione e complicità di ruoli, in cui il conflitto violento è oramai profondamente radicato nello status quo microsociale e macropolitico. mentre il sacrificio delle nuove generazioni per mano dell’esercito rimane predestinato ad arenarsi nel risentimento locale.

3 Responses to "Kashmir, scontri a Srinagar. Il reportage fotografico di Simone Mestroni."

  1. DARIO  17 maggio 2011

    ciao simone grazie per le foto sono molto interresanti bravo alla prossima

  2. Emanuele Confortin  14 maggio 2010

    Grazie a te Simone, alla prossima e in bocca al lupo per il dottorato.

  3. simone  14 maggio 2010

    Ottima cornice ed introduzione lusinghiera….un ottimo contesto per pubblicare le mie foto, sperando che siano sottoposte ad uno sguardo critico e attento
    sm

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.