E’ uscito in edicola e in libreria il nuovo numero di East, Europe and Asia Strategies, il bimensile di economia, politica, attualità e cultura dall’Est del mondo diretto da Vittorio Borelli. Molto varia l’offerta di articoli, analisi e reportage, che per East 30 propongono un dettagliato dossier sulla crisi che sta colpendo l’Europa. Il viaggio verso Est parte dalla Grecia, passando poi per Ungheria (Stefano Bottoni), Polonia (Carla Tonini), Caucaso (Marie Bennigsen Broxup), Russia (Led Gudkov), Ucraina (Piero Sinatti) e i Balcani (Angelica Attolico), arrivando ad oriente, prima nelle giungle dei Maoisti in India (Emanuele Confortin), quindi in Cina (Claudia Astarita), infine in Giappone (Francesca Lancini).  

Ecco di seguito una parte dell’editoriale, affidato alla penna di Aldo Bonomi.

C’è un nuovo fantasma che si aggira per l’Europaad agitare i sonni delle élite e delle opinioni pubbliche liberali: il populismo. Dai crescenti successi di partiti apertamente xenofobi ed antieuropei come l’ungherese Jobbik, l’olandese Pvv o l’italiana Lega Nord, fino alle piazze della Grecia in fiamme, populismo è diventata etichetta politica di cui si fa uso con sempre maggiore frequenza nei circuiti massmediali, nei dibattiti, nelle accademie. La storia del secolo appena trascorso ci insegna quanto il populismo sia concetto da maneggiare con cura. In particolare due sono le fenomenologie con cui l’Europa oggi deve fare i conti: da un lato, l’emergere di un comunitarismo del rinserramento e dell’esclusione teso a rifondare un “noi” puro ed esente da fratture e contraddizioni da contrapporre “all’altro” straniero; dall’altro lato, il crescere di una tendenza livellatrice antielitaria e antiestablishment insita storicamente nella democrazia, espressione di una società civile che chiede alla politica di rispettare il dogma dell’uguaglianza, sviluppando una critica corrosiva e iconoclasta dei fondamenti stessi della rappresentanza politica. Una duplice identità che rappresenta anche la cifra per leggere il caso italiano, per molti versi laboratorio europeo del moderno populismo. Rinserramento nel locale, vitalismo economico e radicalismo democratico rappresentano il cocktail esplosivo che attraversa la storia politica dell’Italia degli ultimi venti anni e che è alla base dell’affermarsi come attori determinanti di tre culture populiste: in primo luogo, il populismo leghista a base etno-territoriale, partito dalle vallate alpine, radicatosi nelle piattaforme produttive pedemontane e oggi dilagato oltre la linea del Po; quindi, dalla metà degli anni Novanta, l’emersione del populismo carismatico del tycoon Berlusconi, capace di coagulare in un nuovo blocco storico leghismo, postfascismo e individualismo proprietario dei nuovi ceti d’impresa; infine, il populismo mediatico e progressista, incarnato prima dalle piazze virtuali degli anni Novanta e dal primato della rappresentazione di una società civile dai gusti postmaterialisti, passato poi per il radicalismo pseudoazionista dei “girotondi” e oggi interpretato dal giustizialismo radicale dell’Italia dei Valori e del “grillismo”.

Per leggere il resto dell’editoriale cliccare qui.
Scarica il sommario

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.